SUMMER OF LOVE – Le tentazioni della memoria

cropped-millelire.jpgBetty e Tonino nel film “La ragazza di via Millelire” FOTO4 Gioia

Le “tentazioni della memoria” sono salvare tutto il passato e raccontare tutto il presente e il futuro.

Un blog, questo blog, serve molto poco a questo scopo. Tuttavia vivrà finché vivrà la rete, libera e indipendente.

Col passare del tempo molti nomi, polemiche, testimonianze qui presenti non saranno più attuali. Ma documenteranno un periodo, un’età. E verranno “inseguiti”, ricercati. Oggi gli “storici della memoria” si moltiplicano, appassionati, curiosi, mai paghi. Leggete nella pagina “La ragazza di via Millelire” un significativo esempio in proposito.

CHE COS’E’ UN BlOG

Blog – si legge in Wikipediaè la contrazione di web-log, ovvero “diario in rete” Andate sulla pagina Internet per leggere la continuazione della risposta e qualche nota critica…

Passa il tempo, si arricchisce la conoscenza, e la nota critica diventa purtroppo sempre più “critica” circa alcuni irresponsabili interventi di qualche curatore di Wikipedia, questa ricchissima e indispensabile enciclopedia mondiale.

PERCHE’ NASCE QUESTO BLOG E ALCUNE NOTE GUIDA

Oltre alle Cineteche, da decenni esiste un luogo fuori rete dove sono conservati moltissimi film, anche alcuni dei miei, e di Gioia Benelli e Tomaso Sherman. Il luogo si chiama AAMOD – Archivio Audiovisivo del Movimento Operaio e Democratico. Se entrate nella pagina dedicata, leggerete il motivo per cui questo luogo sia importante per molti. Ma non per tutti. E perché youtube e blog, nella loro autonomia e libertà, siano invece davvero indispensabili.

Attenzione: AAMOD porta alla pagina Puntini sugli ì (so bene che si dovrebbe scrivere “Puntini sulle ì”, tuttavia preferisco così). E dal momento che le schede di questa pagina si moltiplicano nel tempo, credo sia utile qui mettere il sommario di queste schede, via via aggiornandolo.

Sommario della pagina “Puntini sugli ì”:

Scheda 1: a proposito del film “Fortezze vuote” – Scheda 2: a proposito di AAMOD – Scheda 3: a proposito di “Fortezze vuote” in rete Scheda 3 bis: sul Perugia Social Film Festival (23/28 settembre 2014) che ha proiettato “Fortezze vuote” in una sala affollata, senza nessun problema… Scheda 4: a proposito di Corrado Augias – Scheda 5: a proposito di Angelo Guglielmi – Scheda 6: a proposito della critica cinematografica ai nostri giorni del 2014 – Scheda 7: a proposito della criticale teatrale ai nostri giorni del 2014 ma anche prima – Scheda 8: il quotidiano La Repubblica…

Forse è bene (promozionale) specificare in due parole i contenuti delle schede 6 e 7

Due parole, allora…

…sul non raro trasformarsi in critici cinematografici di giornalisti come Curzio Maltese, Concita De Gregorio (al Festival di Venezia 2015 questa “tuttofare” è diventata la pessima “critica cinematografica ufficiale” per il quotidiano La Repubblica), in compagnia naturalmente con Natalia Aspesi, affamata di comparire e dir la sua in ogni campo, mentre piccolo spazio viene dato alla grande esperta di cinema Irene Bignardi – vedi pagina “Puntini sugli ì”, scheda numero 6.

Una precisazione: Curzio Maltese, nonostante le sue manie di fare di tanto in tanto il critico cinematografico lanciando discutibili registi e disprezzando alcune ottime iniziative del passato (tipo l’Articolo 28), è da considerare anche oggi (2017) una prestigiosa firma del quotidiano Repubblica, è un parlamentare della sinistra Gue, eletto con la lista Tsipras, alle Comunali ha votato 5Stelle, cioè la Raggi, lotta apertamente contro varie iniziative del Pd, come Jobs Act (“L’Italia è una repubblica fondata sui voucher”), Buona scuola, Riforma Costituzionale.

                                                              E due parole…

…su paginoni celebrativi e promozionali del fu prestigioso quotidiano La Repubblica, dove per esempio il critico teatrale Rodolfo Di Giammarco scrive inni relativi al Festival dei Due Mondi, svoltosi a Spoleto dal 27 giugno al 13 luglio 2014 – vedi pagina “Puntini sugli ì”, scheda numero 7

***

Sulla pagina “Note biografiche, filmografia…” eccetera, cliccate su “Il fatto”, alla fine del numero 16 relativo al film “Una lepre con la faccia di bambina”: è una terribile, drammatica testimonianza sulla diossina e su Seveso avvelenata

***

Sempre nella pagina “Note biografiche…” è pubblicato un estratto della sceneggiatura mai realizzata tratta da “Seminario sulla gioventù” di Aldo Busi. Andate a fondo pagina, cliccate su “Cinemasessanta”

***

 PER CHIUDERE HOME UN DOCUMENTO INDIMENTICABILE

VEDI PAGINA DI GIOIA BENELLI

 

Tutti i contenuti di questa pagina sono distribuiti sotto licenza Creative Commons Attribuzione – Condividi allo stesso modo 3.0 Unported